PFFD

Terapie

Il trattamento del PFFD è molto complesso. A seconda della differenza di lunghezza tra una gamba e l'altra, dell'instabilità del ginocchio e della mobilità delle anche, è necessario pianificare un trattamento totalmente personalizzato. Occorre inoltre tener conto di eventuali anomalie concomitanti.

Nella prima infanzia è bene cercare di raggiungere e mantenere una buona mobilità dell'anca, del ginocchio e della caviglia. Oltre alla fisioterapia, durante l'infanzia è possibile utilizzare gessi correttivi per mantenere un'articolazione in posizione flessa o estesa, a seconda della correzione che si desidera ottenere e dell'entità e della tipologia della malformazione presente.

All'età di un anno circa, è possibile fornire al giovane paziente un'ortoprotesi che gli consenta di imparare a camminare all'età giusta nonostante la differenza di lunghezza tra una gamba e l'altra e le contratture del ginocchio e dell'anca.

Allo stesso tempo occorre considerare l'ipotesi di un futuro intervento chirurgico. Se la testa del femore è presente e si ha mobilità, esiste la possibilità di correggere chirurgicamente il malposizionamento. È possibile correggere contemporaneamente anche la malformazione dell'acetabolo. Successivamente, sarà possibile allungare la gamba mediante un fissatore esterno circolare o un fissatore monolaterale.

Può essere necessario ripetere questa procedura diverse volte, a seconda della differenza di lunghezza tra una gamba e l'altra. Occorre inoltre intervenire il prima possibile sull'instabilità del ginocchio, preferibilmente prima ancora di procedere con gli allungamenti ripetuti. Se la testa del femore non è mobile e non è possibile allungare la gamba, sarà fondamentale scegliere la protesi ottimale per il paziente. Vi sono diversi modi per farlo. Una possibilità è bloccare la crescita del lato colpito per far sì che il piede venga a trovarsi alla stessa altezza del ginocchio sano. Un'altra possibilità è eseguire un intervento chirurgico denominato plastica di rotazione (o plastica rotazionale). Tuttavia, questa soluzione può turbare a livello psicologico sia il bambino che i familiari.

È già possibile richiedere un intervento eseguito con le più recenti tecniche chirurgiche di allungamento per trattare questo tipo di PFFD, tuttavia mancano per ora informazioni sui risultati a lungo termine.

Fisioterapia per PFFD

Non esiste una soluzione unica adatta a tutti i casi di PFFD. Le manifestazioni di questa malformazione sono troppo varie. È quindi indispensabile il supporto di un terapista esperto con una formazione specifica. Se la fisioterapia viene effettuata in maniera inadeguata può persino rivelarsi dannosa.

È preferibile iniziare la fisioterapia molto presto, idealmente poco dopo la nascita. Sono disponibili diversi metodi di trattamento.

Terapia manuale

La terapia manuale (secondo il concetto Kaltenborn/Evijent o secondo il concetto Maitland) è essenziale per mantenere o migliorare la mobilità dell'anca, del ginocchio e del piede.

Nei primi mesi si consiglia la trazione dell'anca. È bene applicare la trazione anche al ginocchio. Inoltre, nel caso sia presente un'instabilità del ginocchio, occorre utilizzare una tecnica di scivolamento ventrale sul ginocchio per migliorarne l'estensione.

Se anche il piede è interessato da una emimelia fibulare, occorre trattare anche l'instabilità laterale. In questo caso si consiglia la trazione del calcagno (tallone).

Questi trattamenti devono essere supportati da tecniche mirate ai tessuti molli (stretching dell'anca in estensione, stretching per i flessori del ginocchio e i muscoli del polpaccio, e anche per il tendine di Achille).

Terapia Vojta

La terapia Vojta è un metodo eccellente per prevenire il danneggiamento della colonna vertebrale dovuto alle asimmetrie e per preparare in modo ottimale i muscoli del bambino alla posizione eretta.

A causa della distribuzione non uniforme del peso, movimenti come scalciare, strisciare, gattonare o stare in piedi e camminare sottopongono la colonna vertebrale a sollecitazioni asimmetriche e provocano a loro volta problemi e danni significativi. Questi danni secondari possono far sì che il bambino abbia mal di schiena e altri problemi già all'età di 10-12 anni.

Per prevenire questa situazione i genitori stessi, dopo essere stati opportunamente istruiti da un terapista, devono praticare la terapia Vojta al bambino autonomamente più volte al giorno.

Il metodo di Bobath

Questo tipo di terapia fornisce ai bambini interessati dal difetto il sostegno e il supporto necessari a favorirne lo sviluppo. Può rivelarsi molto utile, soprattutto quando ai bambini viene consegnata la prima ortoprotesi. Occorre precisare che non è opportuno imporre uno sforzo fisico prima di un'intervento chirurgico all'anca potenzialmente necessario, o nel caso in cui il bambino non abbia un'ortoprotesi. La condizione dell'anca non lo permette, e l'asse della gamba, senza un'ortesi, non è sufficientemente stabilizzato. Per questa ragione i bambini vengono sottoposti al primo trattamento quando iniziano a stare in piedi.

Elementi fondamentali del trattamento fisioterapeutico

Nel primo anno di vita fino al momento del primo allungamento il trattamento si concentra sugli elementi seguenti:

  • Terapia manuale per migliorare la mobilità dell'anca e del ginocchio
  • In caso di un ulteriore difetto della fibula: terapia manuale per migliorare la mobilità del piede
  • Trazione dell'anca/del ginocchio
  • Traslazione del ginocchio (scivolamento ventrale) per migliorarne l'estensione (in accordo con il medico curante e tenendo conto dell'instabilità del ginocchio)
  • Tecniche mirate ai tessuti molli per allungare i flessori dell'anca e migliorare l'estensione dell'anca, e analogamente per allungare i flessori del ginocchio per migliorare l'estensione del ginocchio
  • Evitare/migliorare un'eventuale asimmetria della colonna vertebrale
  • Terapia Vojta
  • Terapia secondo il concetto di Bobath a sostegno dello sviluppo, per assistere il bambino nella quotidianità (per es. giocare con l'ortoprotesi, fornire dispositivi terapeutici e molto altro)